Lettera del 6 marzo 1935